9 milioni di italiani sfruttano sessualmente le schiave del marciapiede

9 milioni di maschi italiani, 1 su tre, sfruttano sessualmente tra le 75mila e le 120mila donne che si prostituiscono, sia sulle strade sia al chiuso. Secondo dati del 2017, il 65% è in strada, il 37% è minorenne, tra i 13 e i 17 anni.

Provengono da Nigeria (36%) Romania (22 %) Albania (10,5%) Bulgaria (9%) Moldavia (7%), Ucraina, Cina.

Ogni prostituta mediamente “soddisfa” da 75 a 120 maschi Italiani che considerano le donne come delle cloache dove scaricare i propri escrementi.

La prostituzione è schiavitù e tortura della donna. E il 90% dei clienti in Italia sono cattolici”, lo dice Papa Francesco che fa i conti con un paese “cattolico” dove non c’è alcuna riprovazione sociale di chi sfrutta le prostitute.

Ma chi sono i maschi che sfruttano sessualmente le donne? C’è di tutto e nessuna donna è al riparo dalle “corna a pagamento” e dal rischio di contrarre malattie veneree. E se provassimo a far sentire i clienti per quello che sono, cioè delle merde?

Sono molte purtroppo le donne, mogli e madri, che pensano sia un diritto del maschio andare a prostitute.

Ma la prostituzione è un crimine contro l’umanità. Non dimentichiamolo mai.

Giovanni Sarubbi per Il Dialogo

 

Segnalazioni, a cura di Sergio Falcone

 

I dati cui si fa riferimento sono quelli del Dipartimento per le pari opportunità presso la Presidenza del Consiglio

raiawadunia

 

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: