AFRICA E’ BELLO: MALANGATANA

Malangatana Ngwenya, conosciuto semplicemente come Malangatana nasce nel 1936 a Matalana, un villaggio nel distretto di Marracuene, in Mozambico. Viene definito il “Picasso africano”, sia per lo stile, sia per l’utilizzo dell’arte come forma di denuncia sociale .
Per questo suo impegno è stato perseguitato, torturato e imprigionato dai portoghesi che colonizzavano il suo paese.
Ha cominciato ad essere famoso documentando, a suo modo, la guerra civile che seguì all’indipendenza del paese e mantenendo sempre uno stretto legame tra l’arte e la politica
Le sue opere sono state esposte in Germania, Brasile, Stati Uniti, Cile, Cuba, India, Bulgaria, Austria mentre suoi murales si trovano in Svezia, Colombia, Sudafrica e Swaziland. È stato tra i creatori del Museo Nazionale d’Arte Mozambicana. Ha collaborato con l’Unicef ed è stato nominato Artista per la Pace dall’Unesco.
Nel 2010 gli è stato conferito il titolo di “Doctor Honoris Causa” dall’Università di Évora e il premio, conferito dal governo francese, “Commander of Arts and Letters”.

E’ scomparso nel 2013.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: