AHED TAMINI E’ LIBERA

Ahed Tamini è libera. Lo resterà per poco vista la sua prima dichiarazione. “la resistenza continuerà finché la occupazione sarà stata rimossa”. Continuerà a battersi in prima persona contro l’orrendo apartheid cui Israele ha condannato il suo popolo, i palestinesi.
Ahed ha scontato otto mesi di prigione. La colpa di questa ragazzina, divenuta simbolo per la sua gente, è aver dato uno schiaffo ai soldati che volevano usare casa sua come un fortino da cui colpire gli abitanti del suo villaggio eternamente vessato dagli occupanti israeliani giunti, con la loro illegale colonizzazione, fino al punto di appropriarsi delle scarse fonti d’acqua.
Sono tantissimi i minori palestinesi rinchiusi nelle carceri israeliane e sottoposti a trattamenti da tutti giudicati ai limiti della tortura fisica e psicologica.
Resta intanto in stato di fermo l’artista napoletano di origini olandesi, anche lui giovanissimo,
Jorit Agoch accusato di danneggiamento aggravato dalle autorità di Israele. E’ stato fermato mentre con due amici realizzava, sul muro dell’odio che separa Israele dalla Palestina, un murales proprio in onore di Ahed Tamini.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: