Aiutiamoli a casa loro: il petrolio assassino della Nigeria

Ecco un altra storia e un’altra umanità che il Corriere della Sera non racconterà mai. È una storia di disperazione e di Eni, di povertà e di Nigeria. La bimba si chiamava Mary e per tre anni il suo corpicino era stato coperto da insopportabili allergie e pruriti. Sono iniziati dopo un riversamento di petrolio a Goi, il suo villaggio. Siamo nel Gokona local government nello stato detto Rivers, nella terra degli Ogoni, in Nigeria. Mary viveva qui dove l’Eni e la Shell fanno bello e cattivo tempo da decenni. Ma più che altro cattivo tempo.

Nell’ottobre del 2008 ci fu un enorme perdita di petrolio nell’Ogoniland. Goi era all’epicentro del disastro, assieme con le sue vicine Bomu e Bodo. Un oleodotto della Shell si spezzò e per due settimane ci fu riversamento continuo di petrolio. Circa quattordicimila tonnellate di petrolio finirono nei campi, nell’acqua, fra le mangrovie. In un istante Goi cessò di essere quella che era stata fino allora e si trasformò in una lunga distesa nera.

Ma non ci sono solo le perdite del 2008 a Goi. Ci sono quelle quelle precedenti, quelle successive, quelle future. C’è l’inquinamento e ci sono petrol-incendi che colpiscono la zona incessantemente. E chi ancora vive qui è spesso afflitto da strani dolori che vengono attribuiti tutti a perdite di petrolio nei campi e nelle vite.

Dopo tre anni di prurito insopportabile, Mary è morta, in preda a forti dolori. Non era mai stata in ospedale perché la famiglia non ne aveva i soldi.

Dal 1970 al 2000 ci sono stati 7000 riversamenti di petrolio in Nigeria. Secondo il Nigerian Oil Spill Monitor fra il 2005 e il 2014 altri 5.296. Nel 2010, la Shell ha ammesso che sono finiti in ambiente circa 100.000 barili di petrolio in diciotto comunità Ogoni. Amnesty International parla di un totale variabile fra 9 e 13 milioni di barili. Shell e ENI nel solo 2014  hanno causato 550 riversamenti.

L’Onu dice che qui l’acqua contiene livelli elevatissimi di idrocarburi. Il 70 percento degli Ogoni vive oggi in povertà. Di queste comunità Ogoni, Goi è la più colpita perché da ambo i lati ha petrolmostri, campi estrattivi e oleodotti  che riversano di tutto nei fiumiciattoli della zona e nelle campagne.

Goi è a valle di tutto e dunque il ricettacolo di ogni goccia di petrolio fuoriuscito da condotte difettose, sabotate, o corrose. Mangrovie, acqua, fiumi, campi, è tutto annerito e contaminato.

A un certo punto,  la Shell ha appeso un cartello dichiarando Goi zona morta.

Ai residenti è stato chiesto di evacuare per dare spazio a tentativi di ripulire la zona. Ma a nessuno è stato detto dove andare, cosa fare nel frattempo, chi aveva ucciso la loro zona. Comunicazione: zero. Compensazione: zero.

E cosi, dei residenti di Goi chi poteva è andato via, a volte sapendo dove sarebbe arrivato, altre volte senza ben chiaro dove sarebbe finito, senza cibo e tutti un po’ malandati.  Ma se chi aveva soldi a sufficienza per andarsene, se n’è andato, chi resta vive in preda ad un misto di disperazione e rassegnazione.

C’è una causa in corso, contro la Shell in un tribunale a l’Aia ma la causa è in corso dal 2003 e non si sa quando mai finirà. Nel frattempo? Nel frattempo non solo l’ambiente è morto, ma tutte le attività sane che un tempo esistevano sono scomparse: piccola imprenditoria, pesca, agricoltura, mangrovie, vite tranquille. Ora niente. I bambini non vanno a scuola. I residenti di Goi, quelli rimasti, si dichiarano rifugiati ambientali, soprattutto perchè tutta la loro economia era basata sull’ambiente: pesca, agricoltura e piccolo allevamento di bestiame. Anche la gente muore.

I funerali si svolgono quasi tutti i sabati. Circa dieci persone alla volta.

Se Goi è zona morta, tutte le altre nel vicinato che non hanno ancora ricevuto l’appellativo in questione, non è che stiano meglio. Si muore dappertutto. I residenti lamentano che non c’è mai stata una vera e propria analisi epidemiologica. Tutti lamentano malattie più o meno gravi che non hanno una vera definizione: stanchezza, calore, spossatezza, confusione, tosse persistente.

Intanto, come sempre sono i bambini a risentirne di più: i neonati sono troppo spesso malaticci e la mortalità infantile aumenta. Diarrea, sottosviluppo dei feti, basso peso alla nascita sono tutti stati documentati qui a Goi come collegati al petrolio. Anzi, in Svizzera hanno fatto pure uno studio: The Effect of Oil Spills on Infant Mortality: Evidence from Nigeria. Il tasso di mortalità infantile e’ di 38 morti per 100.000 nascite nel raggio di dieci chilometri da qualsiasi riversamento, cioè un aumento del 100 per cento rispetto a zone lontane dal petrolio.

Di ripulire tutto, per ora, solo le parole. ENI e Shell? Zitti zitti, non deve fiatare neanche una mosca!

Intanto mentre il Corriere della Sera continua a mandare i suoi assurdi petro-editoriali, a Goi continuano tutti a bere l’acqua inquinata perché non c’è altro, continuano tutti a mangiare pesci avvelenati perché non c’è altro.

 

Maria Rita D’Orsogna,  Fisico e docente all’Università statale della California, blogger

 

Segnalazioni, a cura di Sergio Falcone

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: