Djarah Kan: ” La brutalità con cui si decide di fare soldi sulla pelle degli altri, i confini li fa sempre sparire….”

Vi siete mai chiesti il motivo per il quale molta gente crede che la sinistra pensi solo ai bisogni degli immigrati?

L’immigrazione, o meglio il problema immigrazione, è sempre stato presente sul palinsesto dei programmi elettorali dei governi di destra.
Bastava sbattere in prima pagina il povero cul*o di un cristo albanese o nigeriano, e gli italiani si sentivano sempre un po’ sollevati dal pensiero che almeno uno o due problemi, potevano essere risolti nell’immediato con il carcere o le espulsioni.

“Rimandiamoli a casa loooooooro, ruspiamoli, mettiamoli su un aereo e restituiamoli alla Libia questi problemi di carne ed ossa, che respirano come noi (ma non sono proprio come noi) chiamati immigrati clandestini!”.

A quel punto arrivava sempre il centro sinistra (che non è la sinistra)in groppa al suo cavallo bianchissimo, imbelletato di valori democratici e presunta fratellanza e comprensione per tutti quei popoli selvaggi del Terzo MONDO. In sostanza, come risposta al becero razzismo della destra, sto centro sinistra che si lavava, sapeva usare i congiuntivi e aveva la laurea alla Bocconi, metteva in campo un becero antirazzismo vuoto di contenuti e intrinsecamente razzista che come potrete immaginare, valeva quel che valeva.

L’Italia intera assisteva così a questa lotta tra Godzilla e Gamera – la destra e il centro sinistra – su un campo di battaglia fatto di piedi e mani, volti e lingue che avevano patito sulla propria pelle, nei paesi d’origine, i danni diretti di politiche economiche assurde, spesso imposte da paesi stranieri in modalita che personalmente reputo criminali.
E in questa affare hanno le mani in pasta tutti: l’Europa, gli Stati Uniti, la Cina e la Russia. Tutti quei paesi a cui gli immigrati stranieri si, ma con garbo e quando lo decidiamo noi.

Il centro sinistra scendeva in piazza per “difendere gli immigrati dagli insulti razzisti e dal clima d’odio dell’Italia” ma poi quando coi vari governi che si sono susseguiti, c’era bisogno di firmare accordi bilaterali blindatissimi per permettere agli imprenditori italiani di sfruttare risorse umane e ambientali in Continenti come l’Africa, senza alcun controllo né rispetto per i diritti umani, mica gli faceva così schifo mettere le catene ai negr*i obbligandoli a vivere condizioni di lavoro estreme con un costo della manodopera vicina allo zero?
Tanto poi per ripulirsi la coscienza bastavano un paio di foto di bambini neri con la bocca rigorosamente sporca di latte in polvere importato dall’Italia…

Renzi e gli altri infam prima di lui di viaggetti in Africa se ne sono fatti parecchi ai fini di garantire ai grandi imprenditori italiani, trattamenti privilegiati che poi si traducevano in mazzette ai governi per avere in condono la vita e le terre di sti baluba africani, come sono convinta ci chiamino quando strafocano in casa loro, lontano dai riflettori di Repubblica.

Come vedete né Godzilla né Gamera pensano veramente che il problema sia l’immigrazione o la lotta al razzismo.
Il problema è prolungare fino a data da destinarsi il giorno in cui questo Governo e probabilmente gli altri a seguire, dovranno fornire spiegazioni più che dettagliate sul perché questa economia liberista di mer*da, che lascia morire di fame e senza distinzione di etnie, genere e religione anziani, disoccupati, precari e senza tetto, nonostante gli aggiustamenti e le riforme, continua a non funzionare. E a non garantire la sicurezza di non morire male e presto.
Ma, sapete, è come se avessi la sensazione che non ci risponderanno mai.
Meglio intrattenersi nelle ore pomeridiane col pensiero che lasciando in mezzo al mare 50 o 100 persone si stia proteggendo sia la propria economia che i confini.
Che guarda caso spariscono magicamente quando si decide di andare a rubare terra e vita in casa d’altri.
La brutalità con cui si decide di fare soldi sulla pelle degli altri, i confini li fa sempre sparire.

 

Djarha Kan

Scrittrice e cantante. Cittadina italiana e del mondo

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: