A child goes away from the former occupied school in Via Cardinal Domenico Capranica in Primavalle district, Rome, Italy, 15 July 2019. Police evicting squatters from a former school on the outskirts of Rome were showered with objects from the windows on Monday. ANSA/Massimo Percossi

Don Ciotti: La povertà non è reato. Prendersela con i poveri, sì!

“Nel nostro Paese la spesa sociale per il sostegno all’abitare è dello 0,13%, a fronte di una media europea del 2,5%. Delle circa 60mila sentenze di sfratto emesse due anni fa, il 90% sono state causate da morosità incolpevole, cioè impossibilità degli inquilini, colpiti da povertà relativa o assoluta al pari di milioni di italiani, di far fronte alle spese di affitto. Per questo le notizie e le immagini provenienti dal quartiere di Primavalle a Roma, dove si sta svolgendo lo sgombero forzato, con impiego cospicuo di forze di Polizia, di un edificio, tetto provvisorio di 340 persone, inclusi bambini, impossibilitate a trovare un’alternativa, destano angoscia, rabbia e molti interrogativi”.

Lo dichiara in una nota don Luigi Ciotti, presidente di Libera e Gruppo Abele.
“Viene infatti spontaneo chiedersi che democrazia è quella che, invece di costruire giustizia sociale in un concorso di diritti e di doveri, colpisce la povertà e la disperazione come se fossero dei reati- denuncia don Ciotti – Così come viene da chiedersi che politica è mai quella che, non da oggi beninteso, invece di servire il bene comune e impegnarsi affinché a ogni persona siano garantiti i diritti fondamentali (la casa, il lavoro, l’istruzione, l’assistenza sanitaria) si concepisce e si manifesta come azione di forza, esercizio di spavaldo e compiaciuto accanimento contro le persone più deboli, indifese, spaventate”
“E tutto ciò per mera ricerca di consenso dunque di potere, quindi non prima di aver dipinto quelle persone alla deriva come una minaccia alla nostra sicurezza, parola ‘idolo’ di questa epoca in varie forme disumana. Continuo a credere, con buona parte degli italiani mi auguro, che la vera sicurezza sia quella che ci viene da una democrazia compiuta – conclude don Ciotti – che garantisca a ciascuno dignità e libertà, e ci faccia sentire un popolo in cammino, giusto, solidale, accogliente. Consapevole che il benessere del singolo deriva sempre da quello della collettività”.

La realtà racconta amaramente che in Italia governano i poteri forti. Si abbandonano i poveri e li si incita alla guerra tra loro per un pugno di case popolari oramai da antiquariato. Li si sgombera con la forza se occupano case e palazzi abbandonati. Non si costruiscono più case popolari, pur essendovi una grande necessità di edilizia popolare in un paese in cui i poveri estremi si contano oramai a milioni e per i giovani i costi di un alloggio sono proibitivi.

Lo si fa per proteggere gli interessi dei signori del mattone e quelli dei signori della finanza immobiliare. Mettere case popolari sul mercato farebbe perdere valore ai loro patrimoni. Lo si fa perché i potenti del mattone e della finanza sono tra i più grandi finanziatori di certa politica come dimostrano tante inchieste giudiziarie.

La casa non è più il luogo in cui abitare. E’ pacchetti azionari, patrimonio immobiliare di pochi. Non è più un diritto.

 

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: