E per il crudele….coltivo la rosa bianca

Sono un uomo sincero
Di dove cresce la palma
e prima di morire voglio
far uscire i versi dalla mia anima.

Il mio verso è di un verde chiaro
e di un color rosso acceso,
il mio verso è un cervo ferito,
che sul monte cerca riparo.

Coltivo la rosa bianca
in giugno come in gennaio
per l’amico sincero
che mi dà la sua mano franca.

E per il crudele che mi strappa
il cuore con cui vivo
non coltivo né cardi né ortiche:
coltivo la rosa bianca.

Io conosco un dispiacere profondo
tra le pene senza nome:
la schiavitù degli uomini
è la grande pena del mondo.

Con i poveri della terra
voglio dividere la mia sorte,
il ruscello della montagna
mi seduce più del mare.

 

Hector Angulo, Pete Seeger, José Martí

 

Pillole di saggezza: rubrica a cura di Rosella De Troia

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: