Germania nemica dell’Italia? Troppo facile. I più grandi nemici li abbiamo in casa.

Tanti, in questi giorni, chiamano ” alle armi” contro il nemico tedesco. La Germania, abbondantemente aiutata a ricostruirsi nel secondo dopoguerra, si rifiuterebbe, da vera ingrata, all’emissione di coronabond, cioè di strumenti finanziari, di prestiti, garantiti da tutti i paesi europei e quindi in grado di non fare esplodere il già spaventoso debito pubblico italiano.

Premesso che le attuali politiche finanziarie europee sono lo schifo che conosciamo, che interessi speculativi e volontà di saccheggio, dopo la Grecia, del prelibato boccone italiano si annidano dietro certe posizioni, è il caso di fare chiarezza.

Le politiche di rigidità verso l’Italia hanno e trovano consenso tra i cittadini tedeschi e non solo. Si alimentano e si fanno forti di questo consenso. E questo consenso, purtroppo per noi, ha ottime ragioni.

Sì, è vero. La Germania ha potuto ricostruirsi perché è stata ampiamente aiutata. Quegli aiuti, però, sono stati usati rigorosamente per uscire dalla crisi spaventosa di allora e divenire la potente realtà attuale.

Il debito italiano, mostruoso, racconta di un paese malgovernato e in preda a una ruberia annosa e devastante. I risparmiatori tedeschi si rifiutano di condividere i debiti di un paese di cicale e infestato da mafie e corruzione. Possiamo dargli torto? Garantireste con i vostri risparmi un prestito a chi subito dopo va a sperperare quei soldi e peggio ancora?

Se vogliamo sconfiggere queste basi popolari di consenso a politiche di rapina e speculazione nei nostri confronti serve ben altro che la guerra di parole di certa politica italiana. Occorrono buonsenso e fatti che marchino una svolta rispetto a un passato che non è certo rivendicabile, anzi è vergognoso.

In questi giorni, di soldi nelle tasche degli italiani, ce ne sono ben pochi. In quelle delle amministrazioni statali, invece, ne stanno circolando tantissimi.

Un segno di svolta, e ne occorrerebbero tanti, sarebbe affermare chiaramente, con un’apposita legge, che chiunque si approfitti di questi fondi e di queste politiche di emergenza, è nemico degli italiani e come tale andrà trattato e sanzionato. Occorrono pene dure e specifiche e alcuni immediati esempi che facciano capire a tutto il nostro paese, e al di là delle nostre frontiere, che questa tragica emergenza non sarà, come tante altre precedenti, l’occasione di illecito arricchimento per i farabutti di sempre.

E mentre chiediamo soldi agli altri, facciamoli cacciar fuori anche a chi, tra noi italiani, in questi anni ne ha fatti tanti caricando debiti su tutti noi.

silvestro montanaro

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: