GIUSTIZIA PER NOURA

Noura Hussein Hamad, giovanissima donna sudanese di 19 anni, sta per essere uccisa.

“Noura è una vittima e la sentenza di morte pronunciata contro di lei è una crudeltà intollerabile”, ha detto il vice direttore regionale di Amnesty International, Seif Magango in un comunicato.
“La pena di morte è sempre una punizione crudele e inumana. Applicarla ad una vittima sottolinea il fallimento e il cinismo delle autorità sudanesi nel non riconoscere la violenza che questa giovane donna ha dovuto subire “.
La giovane è stata condannata a morte per aver ucciso un uomo più grande di lei che suo padre l’ha costretta a sposare quando lei aveva 16 anni visto che, purtroppo, legge sudanese consente il matrimonio dei bambini sopra i 10 anni.

“Le autorità sudanesi devono annullare questa sentenza palesemente ingiusta e garantire che Noura abbia diritto a un nuovo processo, equo, che tenga conto di tutte le evidenti circostanze attenuanti “, ha chiesto Amnesty International.
I social network sono stati inondati dall’hashtag #JusticeForNoura.
Nell’aprile 2017, la ragazza, dopo aver terminato il liceo, ha dovuto trasferirsi a casa del marito. Ma quando Noura ha rifiutato di consumare il matrimonio, il marito ha chiamato due dei suoi fratelli e un cugino per aiutarlo a violentarla. Un incubo di violenza. Il giorno dopo il “marito” ha cercato di violentarla di nuovo, ma lei è riuscita a scappare in cucina, dove ha afferrato un coltello. Nella lotta che ne è seguita, l’uomo è morto.
Noura Husein tornò a casa dei suoi genitori, ma suo padre la consegnò alla polizia. Durante il processo , la corte la ha ritenuta colpevole di “omicidio volontario” applicando una vecchia legge che non riconosce lo stupro coniugale. Noura Hussein Hamad, il cui sogno era quello di essere un’insegnante, è detenuta in un carcere femminile dal maggio 2017 e rischia di essere impiccata nei prossimi giorni.
Firma la petizione per salvare Noura dalla morte: https://www.amnesty.it/appelli/salviamo-noura-hussein/

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: