Gli accalappia “barboni”

La trappola dell’”emergenza” nasconde soluzioni che privano le persone della libertà e della dignità. La proposta della sindaca Raggi ( e di altri amministratori italiani) di Trattamenti sanitari obbligatori per i senza fissa dimora

Chiunque abbia un minimo di esperienza e memoria, sa che la parola “emergenza” nasconde una fregatura. Tutte le volte che la si invoca si scopre che dietro c’è la volontà di ricorrere a provvedimenti che con la legalità e il rispetto dei diritti hanno poco a che vedere. È stato così in passato per i Rom (c’è voluta una sentenza del Consiglio di stato nel 2009 a dichiarare illegittima la decisione dell’allora presidente del Consiglio Berlusconi) e lo è ora a Roma con la cosiddetta “emergenza freddo”. Il quadro lo ha disegnato molto bene Rossella Marchini nel suo articolo “Uno, due, tre…” del 17 scorso e chiunque voglia sapere quante sono le persone che avrebbero diritto a un riparo dignitoso e non ce l’hanno può leggere le cifre spaventose riferite, riprendendole da stime ufficiali (che probabilmente in realtà sono ancora peggiori).

La notizia è la seguente: di fronte alle morti di freddo, in meno di tre mesi, di dieci senza fissa dimora a Roma, la sindaca pensa di applicare per loro il Trattamento sanitario obbligatorio (TSO). E i giornali esultano: finalmente i cittadini non saranno più costretti a vedere quei mucchi di stracci in mezzo alla strada. I “barboni” verranno acchiappati, come cani da appositi accalappiacani.

Vediamo di che si tratta. Il Tso venne introdotto nel 1978 con la legge 180 a indicare l’eccezione, non la regola, in caso di persona che debba essere sottoposta contro la sua volontà, perché pericolosa per sé o per gli altri, a ricovero coatto. Dunque, se uno che dorme per strada è anche tossicodipendente o alcolista o con disturbi psichici, la legge già oggi prevede la possibilità per il sindaco di disporre un Tso. Solo che la sindaca ora pensa di estenderlo a tutti i senza fissa dimora (circa 8 mila a Roma) anche se il “censimento” dei posti dove queste stesse persone potrebbero andare, in caso di freddo intenso, ammonta a poco più di mille. Dove il comune pensa di “ricoverare” in modo coatto gli altri settemila, non è dato saperlo. Ma, intanto, lo spauracchio di essere acciuffati dai vigili, contro la propria volontà, e sbattuti chissà dove sortirà comunque l’effetto di farli sparire alla vista. E tanto basta.

Molti giornali riferiscono che sono “loro”, i clochard, a non volere il ricovero perché: hanno qualcosa da nascondere, perché sono senza documenti, perché sono amanti della vita di strada… Cose analoghe a quelle che lo stesso comune di Roma continua a dire dei Rom, quando vengono sgomberati. Dice che si offrono loro alternative che vengono rifiutate, che addirittura si promettono loro soldi per pagarsi un affitto e neppure questo i Rom riescono a fare. La verità è che le sole alternative che si propongono sono lesive della dignità delle persone e consistono, per esempio, nel dividere le famiglie: donne e bambini da una parte e degli uomini chi se ne frega. Oppure gli si sventola la “carota” di un po’ di soldi per cercarsi una casa (e solo per un periodo di tempo molto limitato) ben sapendo che a Roma è quasi impossibile trovare un proprietario di casa che abbia voglia di affittare a quelle condizioni.

Che fare, allora? Sperare che l’ondata di freddo per quest’anno sia passata, così il problema torna sotto il tappeto? Studiare una soluzione non sull’ “emergenza” in grado di rispettare le persone con le loro differenze e la loro dignità? La sindaca Raggi ha trovato una terza strada: togliere alla Caritas le monetine della fontana di Trevi.

Forse ha ragione Marco, il “barbone” di cui parla il sociologo ed esperto di senza fissa dimora, Federico Bonadonna, quando dice: “Barbone, poi! Io mi faccio la barba tutti i giorni, a secco perché non ho la schiuma da barba. Ma la gente è troppo pigra per pensare, e se dà l’etichetta agli oggetti e alle persone risparmia di osservarli nel profondo”.

di Anna Pizzo per DINAMO PRESS

Segnalazioni,a cura di Sergio Falcone

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: