I portuali e la gente di Genova hanno bloccato la nave della morte

È attraccato alle 5.40 di ieri il cargo Bahri Yanbu con le armi dirette in Arabia Saudita. Ad attenderlo i lavoratori portuali che hanno aderito compatti allo sciopero proclamato dallaFilt Cgil nella serata di ieri, che prevede l‘astensione dal lavoroper tutti i servizi e le operazioni portuali di mare e di terra che vedono coinvolta la nave nel porto di Genova fino a quando non sarà portato via il carico, “che comprende attrezzature e droni al servizio delle stragi in Yemen – spiegano i lavoratori riuniti nel presidio di protesta, che aggiungono: “La nave è entrata in porto perché è un diritto e noi questo, a differenza di Salvini, lo sappiamo, eppure – concludono i delegati Filt Cgil – non saremo complici e ci auguriamo che lo stesso facciano i colleghi dei porti dove nei prossimi giorni cercheranno di fare imbarcare la nave”.

Ad attendere la nave saudita, oltre ai lavoratori portuali, un presidio di centinaia  di persone tra portuali, cittadini solidali, antimilitaristi e scout, che hanno accolto il carico con fumogeni e striscioni contro la guerra. “Chiediamo al governo Conte, come fatto con quelli precedenti, di interrompere tutti gli accordi commerciali sugli armamenti con l’Arabia Saudita – spiega Francesca Bisiani per conto della sezione ligure di Amnesty International – in attuazione del trattato internazionale contro il commercio delle armi”.

 

da IL FATTO QUOTIDIANO

 

Segnalazioni, a cura di Sergio Falcone

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: