Il mondo canta: Brasile, Zizi Possi

Zizi Possi, discendente da una famiglia italiana (il cognome viene da Lucca, mentre è napoletana da parte di madre), è nata nel quartiere Bras, la zona italiana di San Paolo. I nonni materni, Esposito di cognome, erano emigrati in Brasile da Napoli, e nelle riunioni domenicali della famiglia allargata la piccola venne a contatto con le melodie classiche della tradizione partenopea come Santa Lucia– della quale la Possi a quattro anni conosceva le parole a memoria – e O sole mio. A cinque anni intraprese lo studio del pianoforte, e nel 1973 si trasferì a Salvador per frequentare i corsi di composizione e direzione d’orchestra all’Università di Bahia. Ebbe diverse esperienze musicali e si sposò con il produttore Líber Gadelha, con cui ebbe una figlia. Nel 1976 lasciò i gravosi impegni universitari e si mise a lavorare come attrice in un musical, scoprendo le proprie doti canore.

Nel 1978 fu contattata da Roberto Menescal, allora direttore artistico della Polygram, che la convinse a trasferirsi a Rio de Janeiro; qui la mise sotto contratto per la sua etichetta discografica e le fece incidere il suo primo album, Flor do mal, contenente motivi di cantanti affermati fra i quali Menescal stesso, Caetano Veloso, Joao Bosco, Ivan Lins.

Prese parte l’anno successivo alla colonna sonora del lavoro di Chico Barque, Ópera do Malandro; lanciò il suo nuovo album Pedaço de mim e fu protagonista di concerti a Rio de Janeiro e a San Paolo. Il 1980 fu l’anno dell’LP Zizi Possi, in cui la cantante riprese canzoni di Roberto Carlos, Gilberto Gil, Diavan, Edu Lobo, Joyce, Gonzaguignha, , con un’incursione nel blues di Billie Holiday  con la canzone God Bless the Child e nel pop di Carole King , della quale incise Home Again nella versione brasiliana Quem sabe, em casa outra vez. Fu il primo di una serie di lavori discografici che negli anni ottanta la videro eseguire prevalentemente canzoni di artisti conterranei – Marina Lima, Joao Donato, Rita Lee, Lulu Santos, Tom Jobim  fra i tanti – e anche interpreti stranieri come George Harrison  (in O amor vem pra cada um, riadattamento di Loves comes to everyone), Sergio Endrigo (di cui cantò Io che amo solo te), Salve D’Esposito e Tito Manlio con una versione brasiliana di Anema e core.

Anche nel decennio successivo continuò serrata la sua attività in sala di registrazione. Nel 1991 ricevette il suo primo riconoscimento come migliore cantante di Musica popolare brasiliana, il Prêmio Sharp de Música da parte dell’Associazione Paulista dei Critici d’Arte. Nel 1997, in omaggio alle proprie radici, incise Per amore, disco che riscosse grande successo e che conteneva solo canzoni italiane, fra le quali Ho capito che ti amo di Luigi Tenco e Senza Fine di Gino Paoli. Replicò l’anno successivo con Passione, fra i cui solchi c’erano Canzone per te, Anema e core, Io che amo solo te e Torna a Surriento.

Agli inizi del 2000 si impegnò in una rilettura in chiave bossa nova  di classici brasiliani e di motivi internazionali come Yesterday dei Beatles. Nel settembre del 2003 volò a Napoli dove le fu consegnato il premio Carosone per l’interpretazione di Torero, che aveva ottenuto un successo strepitoso nell’intero continente sudamericano. Nell’occasione la Possi fu protagonista di un concerto all’Arena Flegrea che la vide sul palco assieme a tanti nomi della cultura musicale italiana, fra i quali Edoardo Bennato, Stefano Bollani, Alex Britti, Fausto Cigliano, Nino D’Angelo, Luciano De Crescenzo, Enzo Jannacci, Giacomo Rizzo e Roy Paci. Fra le sue ultime fatiche lo spettacolo del 2005 Para inglês ver e ouvir, sostenuta da una formazione con Jether al piano, Marcos Paiva al basso e Alexandre Damasceno alla batteria. La cantante si è esibita interpretando in lingua inglese motivi di Bob Marley, di George Gershwin, di Cole Potter  e di altri autori.

Nel corso della sua carriera non sono mancati gli spettacoli dal vivo e i tour internazionali che hanno toccato Uruguay, Argentina, Stati Uniti, Portogallo, Italia, Francia, Danimarca, Norvegia, Svezia e Giappone, oltre alle molte tournée nella sua terra natale. Dal 2001 è talvolta apparsa a fianco della figlia Luiza Possi, anch’essa cantante.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: