Il mondo canta: Khadja Nin

Khadja Nin iniziò a studiare musica e canto fin da giovanissima. A sette anni era una delle prime voci del coro della cattedrale di Bujumbura e sognava di intraprendere una carriera come quella di Miriam Makeba. A 16 anni lasciò il Burundi per trasferirsi in Zaire (oggi Repubblica Democratica del Congo), dove si sposò ed ebbe un figlio. Per qualche tempo si dedicò al settore turisticoinsieme al marito, per poi trasferirsi con la famiglia nel Belgio, nel 1980. La morte improvvisa del marito la costrinse ad accettare lavori di basso profilo per mantenere il figlio, finché nel 1985 non conobbe il musicista Nicolas Fiszman che la introdusse presso l’etichetta discografica BMG.

I suoi primi album, Khadja Nin (1992) e Ya Pili (1994) furono accolti tiepidamente dal pubblico e dalla critica. Il successo venne nel 1996 con il terzo album, Sambolera, che conteneva tra gli altri il brano Sina Mali, Sina Deni (una reinterpretazione di Free di Stevie Wonder) che è stato uno dei suoi massimi successi.

Sull’onda del successo, Khadja pubblicò un nuovo album nell’ottobre 1998 intitolato “Ya …“, dove cantava in swahili ma anche in Kirundi, una lingua parlata nel suo paese d’origine. Le sue canzoni affrontavano argomenti per lei molto a cuore, come i bambini di strada, le situazioni di guerra o la lotta contro le disuguaglianze.

Ha firmato anche un vibrante omaggio a Mandela nello stesso periodo di una canzone sulla condizione della madre, “Mama“, pubblicata poi in un singolo, utilizzato per una clip della grande attrice Jeanne Moreau.

Nel 1999, Khadja Nin è apparsa durante una serie di concerti di Sting a New York, accompagnata da Cheb Mami ,anche lui  invitato dalla star inglese. Il 10 gennaio 2000 il trio si è presentato anche sul palco parigino del Palais Omnisport di Paris-Bercy.

Nel 2006, ha sposato il famoso automobilista belga Jacky Ickx. La coppia vive tra il Principato di Monaco e il Mali. In quest’ultimo paese, vive in un villaggio e si occupa tra l’altro di un’associazione di aiuto alle donne.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: