RAMALLAH, WEST BANK - AUGUST 6. A graffiti titled "Balloon Debate" made by the British guerrilla, graffiti artist Banksy, is seen on August 6, 2005 on Israel's highly controversial security barrier in Ramallah, West Bank. Banksy has made a name for himself with provocative images stencilled around the streets of London. On his recent trip to the Palestinian territories he has created nine of his images on Israel's highly controversial West Bank barrier. (Photo by Marco Di Lauro/Getty Images)

Il primo muro: così ebbe inizio la tragedia umana


“ Il primo che avendo recinto un terreno, osò dire, questo è mio, e trovò gente così ingenua da credergli, fu il vero fondatore della società “civile”. Quanti delitti, quante guerre, quanti assassini, quante miserie e quanti orrori avrebbe risparmiato al genere umano quello che strappando via i pali o colmando il fossato, avesse gridato ai suoi simili: guardatevi dall’ascoltare questo impostore; siete perduti se dimenticate che i frutti sono di tutti e che la terra non è di nessuno!”

Jean Jacques Rousseau

Pillole di saggezza, a cura di Rosella De Troia

You may also like...

1 Response

  1. Avatar kob ha detto:

    Conosco queta storia!
    In un ottica realista è un pò hard-core!
    Dio disse : Assoggettate la terra!
    Magari con più equilibrio
    In fondo, sè ci pensiamo bene le economie pianificate non solo non hanno mai avuto grandi risultanti al lungo termine, è nonstante questo noi stessi negli organi di intermediazioni istituzionali,( ES.sinddacati, operai aziende)
    stiamo forse, già in quello che potrebbe essere definito programma minimo, almeno per questi aspetti!
    Ci vuole un liberismo molto coscinzioso…….direi un essere liberali sociali onesti è puliti
    Gettare un’ occhio di riguardo per l’operaio, mà anche per l’impresa
    Questa sarebbe oggi l’utopia vera dà inseguire!
    Ma per fare questo bisogna creare fondamenta etiche burocratiche ,fiscali
    Comunque vada qualcosa del genere

    PS
    E questo in base a molte ideee già trascritte sù youtube , sarebbe il piano secondario, più vicino per quanto distante al sistema attuale!
    Perchè sennò, la vera libertà sarebbe un altra ancora…………..quella pura, più o meno!
    E si attuerebbe proprio sfruttando la tecnologia!
    Come ha fatto riflettere Michael Moorre in uno dei suoi ultimi lavori, forse non solo negli Stati Uniti anche qui ci dobbiamo sbrigliare da quello che a tutti gli effetti è un retaggio, un sistema un costume politico anacronistico, è forse un pò obsoleto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: