IL SUICIDIO EUROPEO

C’è poco, molto poco di concreto nell’accordo al vertice europeo sull’immigrazione.
Niente modifica al trattato di Dublino che regola sbarchi e dovere d’asilo per i profughi. Ora, per di più, sarà modificabile solo con voto unanime, cioè mai.
Non ci sono più quote obbligatorie di accoglienza per i paesi europei. Niente più sanzioni a chi sbarra le frontiere e lascia sola l’Italia ad affrontare il problema migranti. Saranno scelte volontarie. Campa cavallo….

Ci toccherà invece riprendere quanti, sbarcati nel nostro paese, hanno poi raggiunto altri paesi dell’Unione. Gli accordi di Shenghen, sulla libera circolazione, da ieri, valgono solo per gli europei. Gli altri conosceranno la durezza antica e proterva delle frontiere nazionali.
Di Maio e Salvini, alla prima prova dei fatti, hanno dovuto chinare la testa.
Hanno portato a casa un unico risultato. L’Europa in blocco si chiude, si erige fortezza verso la disperazione del mondo povero. Meglio ancora, del mondo impoverito e reso disperato dalle sue politiche di rapina vecchie e nuove. La colonia Africa resta tale. L’unico problema è che non disturbi.
Sarà guerra ai migranti economici, come se migrare per fuggire dalla miseria, per giunta indotta e programmata, sia un reato e non l’averla causata.
Un continente che con i suoi migranti economici ha ripopolato il mondo intero, facendo strage dei popoli nativi, rifiuta in blocco chi prova a bussare alle sue frontiere in cerca di un po’ di speranza.
Si decide di metter su enormi prigioni, perché questo sono i centri di accoglienza controllati, decidendo, contro i diritti fondamentali dell’uomo, di privare della libertà di movimento decine di migliaia di esseri umani.
Queste prigioni, poi, si vuole affidarle ai paesi dei non diritti umani i cui tiranni riceveranno fondi che li renderanno più forti e che usciranno dalle tasche di tutti noi.
E’ da ieri considerato reato l’aiuto umanitario, specie quello dell’obbligo del soccorso a chi rischia di annegare. Le organizzazioni umanitarie dovranno, se vogliono, collaborare a strappare dalle onde e dai barconi, gli “evasi” per consegnarli a chi li riporterà nei lager a soffrire torture e stupri. Il salvataggio degli “evasi” sarà compito della Guardia Costiera libica, di cui si conosce la complicità con i trafficanti di esseri umani, e l’efficienza. Oggi cento esseri umani sono annegati in un mare reso deserto a chi poteva salvarli.
L’Europa ha davvero perso l’anima. Non per l’invasione islamica che non c’è stata, non per i presunti piani di meticciato di qualche finanziere, ma per eutanasia dei suoi valori fondanti.
Gli uomini sono divenuti solo numeri e non tutti i numeri sono uguali. Pietà e giustizia non sono più uguali per tutti.
Solidarietà e fratellanza sono morte. Gli ideologi delle destre più estreme possono essere ben contenti. Che sia giungla e vinca il più forte.
Tra quelli che oggi plaudono, e fa davvero tristezza, tanti dei futuri deboli. Battono le mani a chi farà, appena domani, strage delle loro esistenze. Hanno dato loro il via libera.

 

Se ti piace il nostro modo di fare informazione

ISCRIVITI AL NOSTRO SITO E CONDIVIDI SUI SOCIAL MEDIA I NOSTRI ARTICOLI

( Nella pagina iniziale, in alto a destra, basta inserire la propria mail e fare click su ISCRIVITI. Arriverà una mail che vi chiederà di confermare). Oppure potete scrivere a cittadinidelmondo2016@gmail.com chiedendo di essere iscritti.

SOSTIENICI:

POSTEPAY numero 5333 1710 6675 5675 cod fiscale MNTJCP93R08F839R

PAYPAL: silvymonti@yahoo.com

BONIFICO BANCARIO: IBAN IT62I0760105138232206132212 intestato a Jacopo Montanaro

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: