IN GALERA NON VERRA’ A TROVARTI NESSUNO

Salvini buffoneggia.
“Pare che per la nave Diciotti, ferma nel porto di Catania, la Procura stia indagando “ignoti” per “trattenimento illecito” e sequestro di persona.
Nessun ignoto, INDAGATE ME!
Sono io che non voglio che altri CLANDESTINI (questo sono nella maggioranza dei casi) sbarchino in Italia.
Se mi arrestano, mi venite a trovare Amici? “.
Sulla Diciotti, nave italiana, della Guardia Costiera che dell’Italia è onore per professionalità e umanità, ci sono 177 migranti. Migranti, non clandestini. Esseri umani, non merci o pacchi. Per la gran parte vengono da paesi sconvolti da guerra o dittatura, dalla Somalia e dall’Eritrea. Persone, quindi, che hanno diritto all’asilo. E’ pertanto grave che un ministro italiano blocchi l’approdo di una nave italiane e menta sul suo carico umano.
E’ grave in se trattenere 177 esseri umani, tra cui bambini, anche se non avessero diritto all’asilo. Configura più reati e violazioni dei diritti umani. Quella nave è territorio italiano e vi si applicano leggi italiane. Valgono per i suoi ospiti e valgono per il ministro degli interni che invece si ostina a ignorarle e violarle.
Non c’è alcuna invasione in corso se mai una ce ne è stata. Giocare sulla pelle di un pugno di poveracci è semplicemente disgustoso, ma tipico dell’attuale inquilino del Viminale. Salvini sa bene queste cose, sa che l’emergenza è finita. Si pavoneggia ogni giorno , da “ mariuolo” , di aver risolto il problema dei barconi.
Sì, “ Mariuolo” perché i flussi non li ha bloccati lui. Si sono ridotti perché si sono ridotte le aree di crisi da cui originavano. Sono scemati grazie ai vergognosi accordi fatti da Minniti, il suo predecessore, con il “ governo” e le bande libiche.
Ed allora, che bisogno c’è di infierire su un centinaio di disgraziati? L’inquilino a tempo del Viminale sa che la pacchia per lui è finita.
Senza il continuo arrivo di barconi lui è niente. La sua fortuna politica è costruita su questo, non su altro. Una fortuna grande e accumulata velocemente con lo spietato uso di ogni paura e demagogia. L’invasione, i barbari, la minaccia alla nostra civiltà, l’infinito sciocchezzaio cui abbiamo assistito.

Questo tipo di fortuna politica è come i palloncini. Si gonfiano in un attimo. Si sgonfiano altrettanto rapidamente. E’ per questo che Salvini, terrorizzato, soffia sempre e comunque sul fuoco. Ha bisogno dell’emergenza, ha bisogno di sfidare leggi e istituzioni per provare a consolidare la sua quota di consenso.
Una pratica che rischia di sfociare, in modo sempre più evidente, nell’eversione.
Buffoneggi meno, signor ministro. Questo paese è galantuomo e i bugiardi e coloro che per potere personale violano legge e Costituzione li ha sempre puniti.
E stia certo. Quel giorno non la verrà a trovare nessuno.

You may also like...

4 Responses

  1. vittorio spadanuda ha detto:

    Ti sbagli di grosso, gatto Silvestro, saremo in tanti ad andare a trovare Matteo Salvini in carcere, talmente tanti che dietro la nostra spinta il penitenziario cadrà a pezzi, così che oltre a Salvini potranno uscire tutti quei ladri, stupratori, spacciatori, assassini, squartatori di ragazze e criminali vari da te amati, i quali sono andati a finire in gattabuia – guarda un po’ – per opera di malvagi carabinieri e poliziotti, e magari anche di “gloriosi” militari della guardia costiera. Firmato: il solo che ti legge, a quanto pare.

    • Silvestro Montanaro Silvestro Montanaro ha detto:

      Caro Vittorio, mi spiace ma dai segni di confusione mentale. Il giorno che riuscirai a provare le tue stupide accuse, ti regalerò una confezione di Nervocalm. Mi spiace dirti, poi, che ci leggono in tantissimi.Che figuraccia.

  2. Mannella Francesco ha detto:

    Ciao Silvestro, credo che da parte tua fare un passo indietro per quanto riguarda Salvini sia doveroso, soprattutto per non vanificare il tuo più che onesto lavoro di una vita. Lavoro che ti ha portato a conoscere e documentare le vere responsabilità delle attuali miserie che affliggono gran parte dell’umanità. Per farlo basterebbe che considerassi il fatto che Salvini è l’unico politico che ha detto chiaramente il suo no ai vari bombardamenti “umanitari” figli dell’11/9. Il problema non è Salvini ma tutta quella classe politica composta da vigliacchi ed assassini che ci ha governato fino ad ieri.

    • Silvestro Montanaro Silvestro Montanaro ha detto:

      Caro Francesco,Salvini fa parte integrante di quella politica che giustamente condanni. Anzi ne è l’ulteriore amplificazione. Siamo alla guerra tra poveri, alla menzogna costante, al contrapporre ultimi con ultimi mentre il mondo attende soluzioni comuni a problemi comuni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: