Iran: condannata a 16 anni di carcere per aver donato un fiore

Fare un gesto gentile, come donare un fiore, in Iran può essere molto pericoloso.

Yasaman lo ha fatto a capo scoperto in occasione della Giornata internazionale della donna: a bordo di un treno, insieme alla mamma, ha distribuito gioiosamente fiori negli scompartimenti riservati alle sole donne. Alle donne che ha incontrato ha parlato di un futuro nel quale tutte, anche in Iran, potranno scegliere liberamente cosa indossare.

Yasaman con questo suo gesto ha osato sfidare l’assurda legge che obbliga le donne a indossare il velo in Iran.

Un coraggio che sta pagando con il carcere: il 10 aprile le autorità iraniane la hanno arrestata e rinchiusa da sola in una cella per giorni, sottoponendola a interrogatori continui.

Le hanno intimato di “confessare” una presunta “ingerenza straniera” nel suo gesto e hanno cercato di farla “pentire” delle sue azioni. In caso contrario, avrebbero arrestato i suoi amici e familiari. Il 31 luglio è arrivata la sentenza shock: Yasaman è stata condannata a 16 anni di reclusione. Dovrà trascorrere in carcere almeno 10 anni.

Yasaman ha lottato per i diritti di tutti e non dovrebbe passare neanche un minuto di più in quella cella. Yasaman deve essere libera.

Aiutaci a cambiare la sua storia.

 

AMNESTY INTERNATIONAL

FIRMA LA PETIZIONE SU 

https.//www.amnesty.it

 

You may also like...

4 Responses

  1. ivonne vanoglio ha detto:

    vergognoso,impossibile firmare, blocco del sito

  2. Romana ha detto:

    Il link per firmare la petizione non funziona!

  3. Carla Buttazzi ha detto:

    Non si arriva alla pagina per firmare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: