Israele, sei spaventoso

Sei spaventoso. Sì ,tu ebreo israeliano. Specialmente ora, mentre ci apprestiamo  alle elezioni.

Per te  il Centro è  costituito da qualcuno che sostiene il continuo furto di terra, ma non necessariamente l’espulsione dei palestinesi. Un candidato legittimo che potrebbe ottenere il tuo voto è qualcuno che sostiene l’espulsione degli arabi, l’abrogazione del salario minimo e la legalizzazione della cannabis.

Per te la sinistra è un alto generale ashkenazita che si vanta delle migliaia di palestinesi che ha ucciso e che, quando pensa a un blocco di partiti che ostacolerebbe la  rielezione del  primo ministro Benjamin Netanyahu, non include gli Arabi. Il  Centro-Sinistra è definito  da quelli che gridano che Gaza deve essere attaccata perché Netanyahu non l’ha schiacciata.

Sei spaventoso Israele. Nelle città, nei moshavim collettivi e nei kibbutzim, che tu sia religioso, ex religioso o laico, aschenazita o sefardita o “misto”, tu fornisci  soldati e comandanti, avvocati, architetti, giudici, burocrati dentro e fuori dall’uniforme,  agenti sotto copertura, guardie ai checkpoint e all’aeroporto. Fornisci inoltre appaltatori e sviluppatori di armi e tecnologia di sorveglianza invasiva. Siete tutti una parte inseparabile dell’esercito popolare, dentro e fuori l’uniforme, mobilitati per annientare il sogno di indipendenza e libertà dei palestinesi.

Lo fai sapendo o non volendo sapere, con piacere e con un occhiolino e un cenno, come partecipante attivi o no (e quando vedi che la repressione non sta andando come previsto, arrivi con torture nuove e migliori  metodi e propaganda di odio).

Gaza: un’enorme prigione non adatta al vivere umano.

È spaventoso. Israele come l’hai creata, poco a poco, ordine militare dopo ordine militare, risoluzione del governo dopo risoluzione del governo, una nuova scusa dopo un’altra. E rinneghi ogni responsabilità per la carenza d’acqua e l’inquinamento dell’acqua e del suolo che è la causa di così tante malattie. Disconosci la responsabilità per l’alto tasso di disoccupazione, quasi senza rivali nel mondo, che è un risultato diretto della tua politica che vieta la libertà di movimento.

È spaventoso come si possa vivere in  pochi metri o chilometri in quella prigione di massa che è Gaza e ignorarla, a meno che i prigionieri vivi non ricordino la loro esistenza con  palloni  e  razzi incendiari.

Mantenere l’apartheid e il colonialismo richiede il lavoro di persone di ogni ceto sociale, artigiani e lavoratori a giornata. Ciò coinvolge un gran numero di famiglie i cui amati figli sono inviati a distruggere un pozzo o una scuola a Zanuta nelle colline di Hebron del Sud, o case a Kalansua, o a sparare al pescatore di Gaza che sperava di racimolare 30 shekel o a un  adolescente paramedico nel campo profughi di Deheisheh. Un sacco di famiglie, cioè un sacco di ebrei israeliani,  non vuole sapere.

Un  sacco di genitori ebrei israeliani, quindi, sviluppa un meccanismo per giustificare le azioni dei loro figli fin dall’inizio, senza entrare nei dettagli. Hanno fatto lo stesso quando avevano la loro età i loro nipoti, probabilmente faranno lo stesso anche perché la Settlement and Plunder Defense Force è sacra e non si può dire una parola contro di essa. Questo è spaventoso.

Questa nazione di high tech e premi Nobel, così orgogliosa dei musicisti che ha esportato, dei  suoi inventori, scrittori e intellettuali, fa paura a causa del suo disprezzo per gli arabi e le enclavi che ha creato per loro su entrambi lati della Green Line. Li nascondi dietro muri e muri fisici, frutto della  sua ignoranza e apatia.

Voi avvocati militari che  trovate giustificazioni per l’uccisione di ogni palestinese disarmato, per il sequestro di ogni parte del terreno, per lo sfratto di ogni contadino palestinese dalla sua terra e per impedire a uno studente di viaggiare da Gaza alla West Bank, siete spaventosi.

Senza sparare o uccidere state distruggendo la vita di migliaia di persone ogni giorno. Senza maledire affermi che i palestinesi non sono esseri umani uguali agli ebrei, che  fanno male non  nello stesso modo che facciamo noi, che non hanno gli stessi talenti e le stesse ambizioni.

In breve: sono inferiori. Anche spaventosi sono i giudici della Corte Suprema che confidano nella loro saggezza e professionalità. Tutti voi, l’orgoglio delle scuole di legge israeliane.

Sei spaventoso Israele. Nel 2018 hai scritto un post sui social media razzista, violento o incitante contro i palestinesi in Israele e/o in Cisgiordania e Gaza in media ogni 66 secondi, secondo uno studio avviato dal Centro arabo Hamleh di Haifa per l’avanzamento del sociale Media.
L’anno scorso, ebrei israeliani hanno scritto 474.350 posti razzisti e / o violenti contro i palestinesi. Il membro della Knesset Ayman Odeh era l’obiettivo più comune, menzionato 24.000 volte, seguito dal membro della Knesset Ahmad Tibi, dall’adolescente palestinese  Ahed Tamimi e dalla personalità televisiva Lucy Aharish.

E voi, avvocati e giudici che  vi affrettate a perseguire e  a cercare di imprigionare i palestinesi per i post  scritti, ignorate i post violenti contro gli arabi e la sinistra?

Non rende meno spaventoso sapere che nello stesso modo si sono comportati  i giudici e gli avvocati  in altri paesi, durante altri periodi.
Perché è una sorpresa che la destra sia così forte?

È meglio promuovere le ideologie che giustificano le espulsioni che sono state e continuano ad essere commesse da Israele.

E’  meglio promettere con la legge di salvaguardare il bottino e continuare il saccheggio e l’espulsione – al fine di proteggere la purezza della nazione, le sue dimore e le sue vacanze all’estero.

Amira Hass, giornalista e scrittrice israeliana per BOCCHE SCUCITE

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: