La tregua tra curdi e turchi è una sporca bugia

Non esiste nessuna tregua tra curdi e turchi.

L’aggressione assassina di Erdogan ai territori curdi in Siria non si è fermata per un solo minuto nonostante gli impegni proclamati dal sultano di Ankara e dal vicepresidente Pence dopo il loro incontro. La macchina di morte turca e delle milizie filo terroriste che lo appoggiano è in piena attività, alla faccia dei tweet entusiasti di un sempre più invasato Trump.

E’ il termine stesso “tregua” ad essere falso in questa ennesima pagina di terrore internazionale, di violazione di ogni regola internazionale, di spartizione e saccheggio di un paese già martirizzato da una guerra volutamente importata dalle potenze mondiali.

Viene chiamata tregua, si illude l’opinione pubblica mondiale, un accordo che prevede la totale cancellazione delle popolazioni curde e della loro straordinaria autonomia e democrazia.

I curdi vengono obbligati ad abbandonare le loro città. La Turchia consegue ha il diritto di cacciarli e di impossessarsi di una fetta di Siria conseguendo in toto l’obiettivo dichiarato della sua aggressione. Un territorio siriano diventa feudo delle aspirazioni di Grande Turchia di Erdogan con il beneplacito della più grande potenza mondiale da sempre sua alleata.

Una popolazione intera diventa profuga. Un paese viene violato. Un tiranno allarga i suoi confini benedetto da chi tiranneggia il mondo intero.

Questa è la realtà, altro che pace!

 

silvestro montanaro

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: