Landini: Salvini chiuda Casapound, non i porti.

Nel giorno della festa dei lavoratori il segretario delle Cgil Maurizio Landini dal palco di Bologna ricorda: “Quando il fascismo divenne regime, la prima cosa che fece fu abolire il primo maggio e incarcerare chi si batteva per i diritti. Per riconquistarlo c’è voluta la Liberazione. Il fascismo non è un’idea, è un crimine”. Quindi, diretto al ministro Salvini: “Se vuole rispettare la Costituzione non deve chiudere i porti ma le sedi di Casapound e impedire formazioni che fanno apologia di fascismo”. .  .Per Salvini anche un altro messaggio: “La sicurezza che vogliamo non sono leggi sull’uso delle armi, ma non morire sul lavoro, diritti, uno Stato che combatte corruzione, evasione fiscale e infiltrazioni mafiiose”.

di Fabio Falanga – H24

 

Segnalazioni, a cura di Sergio Falcone

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: