Le bufale di Giulietto Chiesa

Credo sia oramai evidente a tutti che la risposta dei poteri attuali nel mondo, specie lo strapotere finanziario, alla evidente crisi delle nostre società, sia quella dell’autoritarismo più bieco. La follia demagogica dei nazionalismi, degli identitarismi, dei sovranismi, riassunta nello slogan del ” prima noi”. Prima gli americani, prima i brasiliani, prima gli italiani…E’ un coro, oramai, ad ogni latitudine e non promette niente di buono. In un mondo in cui prevalgono gli egoismi, il conflitto, la guerra la fanno da padroni.
Questa barbarie, la volontà chiarissima di non dare risposte ad una società sempre più al collasso, divorata e massacrata da meccanismi che premiano pochi a danno di tutti, la coscienza che l’unica soluzione, aborrita, sarebbe l’estinzione di un mondo fondato sul potere e la ricchezza di pochi, sta producendo leadership forti e antidemocratiche ad ogni parallelo.
Uno degli strumenti, forse il più importante, delle loro ascese al potere è la manipolazione di massa.
La rete, i suoi meccanismi sociali, sono stati piegati alla costruzione di una narrazione falsa e bugiarda, capace di diffondere paure e identificare inesistenti nemici. Un’isteria collettiva voluta e programmata capace di far vincere sempre e ovunque i nuovi “salvatori della patria”. Per l’elezione dell’oscuro Bolsonaro a presidente del Brasile, di un personaggio fino a pochi mesi fa ai margini estremi del consenso, la macchina della disinformazione ha messo a punto milioni di fake news. In piena campagna elettorale, Facebook e whatsapp, attraverso milioni di profili fasulli, hanno vomitato ogni tipo di menzogna sui suoi avversari. Haddad, il candidato del partito di Lula, è stato raccontato persino come pedofilo. Gli è stato attribuito più volte il rinunciare alla candidatura e l’adesione al programma di Bolsonaro. Questo infinito vomito di bufale e notizie false non può essere qualificato altrimenti che manipolazione fascista della coscienza collettiva.
E’ per questo che trovo gravissimo l’ultimo episodio di casa nostra. Un video fa dire ad un esponente di primo piano dell’Europa di un piano per destabilizzare l’Italia e gli italiani. Niente nell’intervista originale giustifica simili affermazioni. Niente.
Questa fake news, ripresa dal Movimento 5 Stelle, è stata prodotta da Pandora tv, l’emittente on line di Giulietto Chiesa che scoperto ha giustificato, meglio ancora provato a giustificare, il suo operato in questo modo. “Noi non abbiamo affatto pubblicato l’intervista. Ripeto: noi non abbiamo affatto pubblicato l’intervista. Noi abbiamo dato notizia, nelle news quotidiane che produciamo, dell’intervista di Dijusselboim, accompagnandola con qualche immagine della stessa, e con il nostro commento sintetico. Ribadisco che il nostro commento corrispondeva sostanzialmente alla gravità delle affermazioni e ai “suggerimenti” che l’intervistato stava dando alle istituzioni bancarie europee. L’unica differenza è stata che Dijsselboim li impacchettava più o meno elegantemente e invece noi li abbiamo “tradotti” politicamente.”
Ridicolo e penoso. Quel commento, quella traduzione politica, mettevano in bocca all’esponente europeo affermazioni gravissime e mai fatte. Questo non si chiama interpretare, ma piuttosto falsificare!
Ed è ancora più grave che a farlo sia un giornalista che in questo modo abusa della credibilità legata alla sua funzione.
La notizia è notizia, i commenti altra cosa e vanno separati dalla notizia che va mostrata nella sua integrità originale.

Di seguito il video di Pandora Tv e l’intervista originale. Giudicate voi

https://www.msn.com/en-ca/video/viral/m5s-falsifica-lintervista-di-jeroen-dijsselbloem-sullitalia-ecco-i-due-video-a-confronto/vp-BBPfkL8

You may also like...

2 Responses

  1. carlo ha detto:

    Non ho alcuna intenzione, né interesse, a giustificare Chiesa, che non seguo e che non apprezzo particolarmente; ed indubitabilmente questo è uno scivolone penoso. Ma gli estratti presenti nel video dell’intervista originale giustificano appieno la lettura politica che ne dà il sovracitato Chiesa. Le intimidazioni a mezzo stampa sono tutt’altro che una novità, ed è proprio così che vengono fatte.

    • Raiawadunia Raiawadunia ha detto:

      Caro Carlo, niente nell’intervista originale giustifica quanto detto nel servizio. Dove ha trovato traccia di un invito a Draghi a attaccare l’economia italiana?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: