L’Italia deporta un’attivista dei diritti umani

La procura ha disposto l’arresto e la deportazione in Perù dell’attivista transessuale Alessia P.M.

Solo pochi mesi fa, la donna era sul palco del Milano Pride a raccontare come fosse tre volte discriminata perché donna, migrante e trans. Aveva dato corpo e voce alle rivendicazioni di chi chiede che a tutti sia data la possibilità di vivere, desiderare, agire su questa terra secondo la propria natura. Oggi la sua voce è stata messa a tacere nel modo più brutale, ricorrendo a quella ideologia della ruspa che mira a radere al suolo tutto ciò che non risulta conforme all’ideologia sovranista e xenofoba della Lega.

V enerdì 28 dicembre Alessia è stata convocata presso il locale commissariato di polizia e, nonostante avesse già depositato un ricorso già depositato contro il diniego di permesso di soggiorno, è stata trasportata in questura, dove le è stato sequestrato il cellulare e le è stato impedito di poter comunicare con l’esterno. Alle sette del mattino del 29 dicembre, dopo una notte trascorsa in questura senza spiegazioni, le è stato detto che sarebbe stata condotta davanti ad un giudice per l’esecuzione del rimpatrio. le è stato impediuto di poter contattare l’avvocata che seguiva la sua richiesta di permesso di soggiorno e che aveva tutti i documenti per dimostrare che l’espulsione era e continua a essere irragionevole: è stata deportata così, senza avere il tempo di salutare le tante persone che le sono state amiche in questi suoi anni italiani, sistemare la sua casa e i suoi affetti, scegliere che cosa portare con sé.

È stata portata a Roma ammanettata, poi è stata messa a forza a bordo di un volo diretto a Sao Paulo, poi su un altro volo con destinazione Panama.

Il timore che un intervento così puntuale, impietoso e brutale le sia stato riservato perché attivista per i diritti umani è un’ipotesi che urla nel silenzio. Ma c’è anche il timore che da un ministro degli Interni come Matteo Slavini, difficilmente troveremo interesse per chi è vittima della sua folle ideologia volta a sostenere che i confini valgano più della vita umana.

da GayBurg

 

Segnalazioni, a cura di Sergio Falcone

 

SOSTIENI RAIAWADUNIA

POSTEPAY: 5333 1710 6675 5675 – c.f. MNTJCP93R08F839R
PAYPAL: silvymonti@yahoo.com
BONIFICO BANCARIO: IBAN IT62I0760105138232206132212 – Jacopo Montanaro

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: