OFFRESI BAMBINI PER INTRATTENIMENTO SESSUALE

Uno dei siti web di annunci sessuali più famosi del mondo è stato chiuso, qualche settimana fa, dalle autorità statunitensi, dopo una lotta durata anni da parte di attivisti anti-traffico di esseri umani.
” Backpage ha guadagnato centinaia di milioni di dollari dalla facilitazione della prostituzione e del traffico sessuale, facendo profitti sulla pelle e sulla sicurezza di molte migliaia di donne e bambini che sono stati vittime delle sue pratiche”, ha detto il Primo Assistente del Procuratore USA,  Elizabeth Strange, dopo il sequestro del sito.
Creato nel 2004, Backpage crebbe rapidamente grazie alla crisi degli annunci sessuali sui giornali. Al suo apice aveva 943 siti di localizzazione in sei continenti, operava in 97 paesi e in 17 lingue diverse.
Il Centro nazionale per i bambini scomparsi e sfruttati, operante negli Stati Uniti, afferma che circa il 73% dei casi di traffico di minori in cui si è imbattuto erano collegati a Backpage.
Ma il sequestro di Backpage, che ha formato collegamenti di vasta portata in tutta l’Asia, utilizzando un business di call center illecito nelle Filippine, segna solo una piccola vittoria nella guerra contro le reti di trafficanti.

Ben Smith, coordinatore del programma regionale delle Nazioni Unite per la tratta di esseri umani e il traffico di migranti, ha affermato che in paesi come le Filippine, dove Backpage operava tantissimo, i social media stanno aumentando le difficoltà incontrate dalla polizia nel reprimere il fenomeno dello sfruttamento della prostituzione infantile.
“Tutti gli aspetti della tratta di esseri umani sono facilitati online, dall’individuazione e dal contatto con la vittima, al trasporto fino al cliente. E questo rende difficile il lavoro della polizia “, ha affermato.
“C’è sicuramente una sfida che dobbiamo vincere nel settore dello sfruttamento minorile online. Nelle Filippine il fenomeno dilaga e stiamo assistendo in tutto il sudest asiatico a un proliferare di situazioni del genere. Occorre intervenire urgentemente se vogliamo salvare migliaia di minori dall’orrore dello sfruttamento sessuale ”.

 

La Polizia di Stato italiana, per venire incontro alle esigenze dei cittadini, ha realizzato un servizio specifico, all’interno del Commissariato di P.S. online, all’indirizzo:http://www.commissariatodips.it/

Tramite questa pagina si potranno effettuare: 1)Segnalazioni; cioè segnalare siti che effettuano spam, phishing e pedopornografia; 2)Denunce di reato telematico e Informazioni di carattere generale in materia informatica.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: