Per i nuovi schiavi non c’è manna dal cielo…

Una nuova straordinaria ballata di Lucio Matricardi sul caporalato.

Il testo è liberamente ispirato alla storia di Paola Clemente, la bracciante che nel 2015 perse la vita nei campi di Adria in Puglia mentre lavorava, schiava tra gli schiavi, sotto un sole inclemente, in cambio di qualche euro.

Il video si avvale della collaborazione di 40 ospiti di uno Sprar nelle Marche

 

RITORNELLO:

Aggiu persu lu sonnu ( Ho perso il sonno dei begli occhi miei) de begli occhi miei A culumbella passa ( La colomba passa e porta un bacio a figli miei) E porta nu baciu A li figli miei E lu sule calau calau (E il sole scende scende) Mena patrunu ca me ne vau (Chiama il padrone che me ne vado) E lu sule calau calau Mena patrunu ca me ne vau

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: