Per non dimenticare

“Pensa a tutta la bellezza che c’è ancora attorno a te e sii felice”. Un raggio di luce squarcia gli anni più bui della storia dell’umanità: sono le parole di una giovane adolescente, affidate al Diario che è entrato nel cuore di ognuno di noi. Oggi Anna Frank avrebbe compiuto 90 anni, ma il futuro ha potuto solo immaginarlo, perché la sua vita, come quella dei milioni di ebrei come lei, è stata spezzata dalla follia nazista. Nacque nella città di Francoforte, nel 1929, aveva una sorella, Margot, più grande di 3 anni, e quando Adolf Hitler salì al potere si trasferì in Olanda con la sua famiglia; fu qui, in particolare ad Amsterdam, che Anna rimase nascosta due anni vivendo nella casa retrostante (Achterhuis in olandese) l’edificio in cui aveva sede la ditta dove lavorava suo padre Otto, in Prinsengracht 263. Il racconto di quei giorni si accompagna alle riflessioni di una ragazzina che sogna l’amore, che fantastica sulla donna che diventerà da grande. Il suo ricordo vive nei pensieri che lei ha affidato alla carta, prima, e poi a tutti noi in modo che non dimenticassimo la sua infanzia rubata e la dignità di persone, calpestata, perché ricordare è l’arma che abbiamo per restare umani.

 

FANPAGE

 

Segnalazioni, a cura di Sergio Falcone

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: