Rojava: la Turchia usa l’arma infame dello stupro di guerra contro le donne curde

image_pdfimage_print

Rapimenti, stupri, omicidi. E poi imposizione della lingua turca e islamizzazione forzata. A due mesi dall’inizio dell’aggressione turca, la situazione nel Rojava, regione autonoma del Kurdistan in Siria, non è migliorata. Nonostante la sottoscrizione di due accordi di pace, uno tra Turchia e Stati Uniti, l’altro tra Turchia e Russia. E le atrocità colpiscono soprattutto le donne.

La missione turca era nata per stabilire una safe zone, una zona sicura, lungo la striscia nel nord-est della Siria, dopo la decisione del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, di ritirare le truppe americane dalla regione. Ma secondo gli attivisti curdi, il vero obiettivo dei turchi è di occupare tutta l’area, non solo quei 30 km di terra

«La Turchia non sta rispettando il cessate il fuoco sancito dagli accordi e gli attacchi continuano», dice l’attivista curda Lana Hussein a Osservatorio Diritti.

«Dal 17 ottobre al 3 dicembre ci sono stati 143 attacchi di terra, 124 dal cielo e 147 di artiglieria pesante. Sono state usate anche armi chimichee munizioni al fosforo bianco. Per non parlare dei massacri e delle atrocità compiute contro la popolazione civile».

Si parla di 1.100 chilometri invasi fino ad oggi e 88 villaggi occupati. Dall’inizio dell’offensiva 478 civili hanno perso la vita, 1.070 sono stati feriti e più di 300 mila sfollati. Ottocentodieci scuole sono state chiuse, di cui 20 sono andate completamente distrutte, e 86 mila studenti oggi non possono più studiare.

«Le donne sono il target numero 1: per noi il rischio è altissimo», racconta Lana Hussein, che da due anni fa parte dell’Unità di protezione delle donne (Ypj), l’esercito femminile curdo che insieme all’Ypg, l’Unità di protezione popolare,è riuscito a proteggere il Rojava dall’avanzata dell’Isis combattendo al fianco dell’esercito degli Stati Uniti.

«Solo ad Afrin 40 donne hanno perso la vita, 100 sono state ferite e 60 stuprate…..

 

 

continua a leggere su OSSERVATORIO DIRITTI

 

You may also like...

2 Responses

  1. 8 Gennaio 2020

    […] Redazione, “La Turchia usa l’arma infame dello stupro di guerra contro le donne curde&#8… […]

  2. 15 Gennaio 2020

    […] Redazione, “La Turchia usa l’arma infame dello stupro di guerra contro le donne curde&#8… […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: