Siamo tutti migranti. Fate sbarcare quelli della Sea Watch

Da oltre dieci giorni, la nave Seawatch 3, dell’omonima organizzazione non governativa tedesca, con 43 persone a bordo è ferma nelle acque antistanti Lampedusa in attesa di un porto sicuro dove attraccare.

Tra le 43 persone salvate in mare e provenienti dalla Libia, vi sono anche donne in stato di gravidanza e bambini. Tutte le persone sono in precarie condizioni di salute.

Le convenzioni internazionali, i moniti della Comunità Europea e dell’Onu, la nostra Costituzione, il buon senso nulla hanno potuto finora davanti a una disumana decisione del Ministro dell’Interno che mira a “punire” chi salva vite giocando proprio su quelle vite già tanto segnate da torture e privazioni.

Dal 19 giugno, il Forum Lampedusa solidale ha invitato i cittadini e le cittadine dell’isola a dimostrare la propria solidarietà ai profughi e all’equipaggio della nave dormendo sul sagrato della Chiesa di San Gerlando.

L’Italia che resiste – Tigullio raccoglie l’appello e lo fa suo.

Da lunedì 24 giugno, dalle ore 19,00 e fino alla conclusione speriamo rapida della vicenda, invitiamo la cittadinanza ad esprimere la propria solidarietà riunendosi in Piazza San Giovanni a Chiavari per un presidio pacifico e silenzioso. Come a Lampedusa, anche per noi il simbolo della resistenza e dell’umanità è la coperta isotermica che invitiamo a portare all’appuntamento.

Anche a Torino a partire dal 23 giugno un gruppo di cittadini dormirà sul sagrato della Chiesa di San Dalmazzo, nella centrale via Garibaldi.
A partire dalle ore 20.30 alle 7 del mattino un presidio di attivisti delle associazioni di volontariato sociale, sanitario e culturale torinese abbraccerà idealmente i naufraghi e l’equipaggio della nave di soccorso Sea Watch 3, il parroco di Lampedusa don Carmelo La Magra, il Forum Solidale Lampedusa e tutti coloro che si stanno unendo in tutta Italia per chiedere l’immediato sbarco delle 42 persone salvate dalla nave di soccorso, bloccata da 12 giorni al largo delle coste di Lampedusa.
Il presidio di solidarietà andrà avanti tutte le notti fino alla soluzione di questa orribile vicenda.

 

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: