Teranga: l’importanza di sentirsi ancora vivi. Umani. Insieme.

image_pdfimage_print

Teranga in senegalese significa ospitalità, accoglienza e rappresenta anche il piacere di ricevere un ospite nella propria dimora, per questo molte persone, quando sentono questa parola, accennano a sorrisi che lasciano trasparire emozioni sincere.

È questo il motivo per il quale è stato scelto di chiamare Teranga un locale, a Napoli,una ex discoteca, che è diventata luogo di accoglienza indiscriminata per i bianchi e i neri, per gli immigrati, i disoccupati, gli ex tossici, gli ultimi. Una realtà che sta facendo parlare di sé – anche grazie alle accorate lettere inviate alle istituzioni – e che ha attirato l’interesse del quotidiano inglese The Guardian, che ha girato un documentario diretto da tre registe, Sophia Rose Seymour, Louis Marillier e Daisy Squires, che è da pochi giorni su Youtube, intitolato Teranga, life in the Waiting Room (The afrobeats nightclub uniting Naples), per conoscere più a fondo le condizioni in cui si trovano migliaia di giovani fuggiti da guerre e disperazione.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: