TRUMP VOLEVA INVADERE IL VENEZUELA

Quando la riunione, sulle sanzioni al Venezuela, stava per terminare, nel mese di agosto dello scorso anno, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, si girò verso i suoi consiglieri e chiese loro: “Perché non invadere questo paese così problematico?”.
La sua domanda, secondo il racconto offre in esclusiva l’Associated Press, lasciò attoniti l’allora capo della diplomazia, Rex Tillerson, e il consigliere di sicurezza nazionale, l’ex Generale HR McMaster, gli stessi che furono costretti a lasciare mesi più tardi l’amministrazione Trump. McMaster e gli altri consiglieri spiegarono che un intervento militare, per quanto circoscritto fosse, poteva mettere in pericolo le relazioni con il resto delle capitali dell’America Latina. E questo anche se la maggior parte dei presidenti latinoamericani non chiedeva altro che fermare la paventatamarcia del presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, verso una dittatura.
Trump espresse il suo disaccordo in quanto considerava un successo le invasioni di Panama e Granada, nei Caraibi, degli anni 80.I suoi consiglieri di allora insistettero perché abbandonasse questo proposito.
Il giorno successivo, gli animi in Sudamerica si incendiarono allarmi quando fu resa pubblica la possibilità di un “opzione militare” per rimuovere Maduro dal potere. Non contento, nei mesi successivi, Trump ha discusso di questo argomento a una cena con i leader latinoamericani
Finora, dalla Casa Bianca, ha evitato di commentare ciò che considera “conversazioni private” del presidente. Conversazioni che potrebbero far parte delle tattiche di Trump per ottenere vantaggi dal resto dei leader dell’area sud del continente. Dal momento che Trump è divenuto Presidente degli Stati Uniti, infatti, i leader sudamericani, hanno accettato di imporre più sanzioni a Caracas.
Nel frattempo, Washington ha distribuito 30 milioni di dollari per aiutare i paesi vicini del Venezuela ad assorbire il flusso di più di un milione di persone che hanno lasciato quel paese con l’aggravarsi della sua crisi economica e politica. Accanto a questi fondi, poi, bisogna annoverare quelli destinati all’opposizione venezuelana e alle operazioni “coperte” americane in corso in quel paese.

 

Se ti piace il nostro modo di fare informazione

ISCRIVITI AL NOSTRO SITO E CONDIVIDI SUI SOCIAL MEDIA I NOSTRI ARTICOLI

( Nella pagina iniziale, in alto a destra, basta inserire la propria mail e fare click su ISCRIVITI. Arriverà una mail che vi chiederà di confermare). Oppure potete scrivere a cittadinidelmondo2016@gmail.com chiedendo di essere iscritti.

SOSTIENICI:

POSTEPAY numero 5333 1710 6675 5675 cod fiscale MNTJCP93R08F839R

PAYPAL: silvymonti@yahoo.com

BONIFICO BANCARIO: IBAN IT62I0760105138232206132212 intestato a Jacopo Montanaro

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: