YEMEN: UNA VITA SOTTO LE BOMBE SAUDITE ( e italiane)

Nel nord-ovest dello Yemen, dove da circa sei mesi la Coalizione internazionale guidata dall’Arabia Saudita e dagli Emirati Arabi Uniti ha intensificato gli attacchi aerei contro gli Houthi, la popolazione civile è più esposta che mai al conflitto. Secondo le nostre équipe, attive all’ospedale di Haydan e in tutto il Governatorato di Saada, l’insicurezza e i costi dei trasporti impediscono alle persone di accedere alle cure.
Sullo Yemen si sono abbattuti 16.749 attacchi aerei negli ultimi 3 anni, una media di 15 al giorno, stando allo Yemen Data Project.
(Usando bombe anche di fabbricazione italiana, nota di Raiawadunia )
Il solo governatorato di Saada è stato colpito da un terzo dei 541 attacchi registrati a dicembre con un aumento del 67% rispetto al mese precedente. Un’incursione su tre ha colpito siti non militari: infrastrutture pubbliche, mercati, case e veicoli civili. Le strade, in particolare quelle con valore strategico, finiscono abitualmente nel mirino e l’interminabile serie di attacchi ha reso estremamente difficile qualsiasi tipo di spostamento.
“La strada che attraversa il distretto di Saaqain, da noi usata per andare da Haydan a Saada, è stata presa di mira più volte dall’inizio dell’anno. E lo stesso è successo a quella che porta a Yasnim dove supportiamo un centro sanitario”, afferma Frédéric Bonnot, coordinatore del progetto di MSF ad Haydan. “Tutto questo ha un impatto sulla nostra capacità di trasferire i pazienti verso gli ospedali di Saada. Ci possono essere dei ritardi e il più delle volte ci troviamo di fronte a situazioni di vita o di morte”.
Nel villaggio di Haydan, a pochi chilometri dalla linea del fronte, le nostre équipe lavorano presso l’ospedale locale, distrutto nell’ottobre del 2015 da attacchi aerei sauditi e riaperto nel marzo 2017. Quasi 7.000 persone sono state ammesse al pronto soccorso l’anno scorso: il 44 per cento bambini di età inferiore ai cinque anni, il 41 per cento donne. Ogni giorno vengono realizzate tra le 50 e le 60 visite mediche. I bambini sono spesso ricoverati per infezioni respiratorie, diarrea e anemia.
“Ancor prima dello scoppio del conflitto, gli abitanti di Saada erano tra i più vulnerabili del Paese, e quando abbiamo riaperto l’ospedale la notizia è circolata così in fretta che in pochi giorni le attività erano già a pieno regime”, dichiara il dott. Roberto Scaini, vice presidente di MSF, in missione ad Haydan durante la riapertura dell’ospedale. “In un’area montuosa di villaggi remoti, il problema più grande resta come arrivarci, perché i mezzi di trasporto sono insicuri o troppo costosi. Spesso i feriti di guerra arrivano in condizioni ormai critiche. Per chi soffre di malattie croniche, cardiache o tumori, è difficile garantire trattamenti a lungo termine in tutto lo Yemen”.
Mohammad si stava recando alla moschea per le preghiere del venerdì quando è stato colpito durante un attacco. Ha perso subito conoscenza, ma grazie all’aiuto di alcuni passanti è stato portato in macchina all’ospedale di MSF: “Un minuto camminavo per strada, quello dopo mi risvegliavo in ospedale. Non so nemmeno se mi abbia colpito una bomba o un razzo” racconta.

Medici Senza Frontiere

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: