Zanotelli: Riace riparte

Considero Mimmo Lucano, sindaco di Riace, un amico. Di più, un fratello, uno di famiglia. Hanno rafforzato questo legame i dieci giorni passati con lui e suoi concittadini lo scorso agosto, in occasione di un campo di lavoro organizzato dai missionari comboniani. Come ho raccontato nello scorso numero di Nigrizia, ho conosciuto una persona che ha saputo trovare una via per andare incontro a chi soffre. Un’amicizia ricambiata, tanto che a fine agosto Lucano ha invitato a Riace me, Gino Strada e la scrittrice Sara Sasso, e ci ha concesso la cittadinanza onoraria.

Sono quindi rimasto scioccato di fronte agli arresti domiciliari, disposti il 2 ottobre dalla procura di Locri per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. L’ho raggiunto a Riace e ho potuto vederlo per un paio d’ore. Ho trovato un uomo distrutto, perché mai si sarebbe aspettato che si arrivasse a quel punto. Gli ho comunicato tutta la mia vicinanza e anche l’impossibilità di partecipare alla manifestazione, indetta a Riace il 6 ottobre in segno di solidarietà, perché impegnato ad Assisi in un convegno d’introduzione alla Perugia-Assisi. Alla marcia della pace il suo nome è stato scandito e noi comboniani con i giovani di Gim (Giovani impegno missionario) abbiamo marciato con uno striscione che diceva “arrestateci tutti”.

Ma il 13 ottobre ecco un’altra batosta. Il Viminale annuncia che non saranno coperte le spese per i servizi di accoglienza che Riace ha fatto e sta facendo, e che tutti i migranti dovranno lasciare il paese (affermazione poi mitigata, aggiungendo che lascia il paese solo chi vuole farlo). Una vendetta di Salvini che ha approfittato del provvedimento della magistratura per colpire una persona che detesta.

Il 16 ottobre, un altro passaggio che va sottolineato. Il tribunale del riesame di Reggio Calabria ha revocato gli arresti domiciliari, sostituendoli con la misura del divieto di dimora a Riace. Decisione grottesca: di solito viene adottata per gli affiliati alla ’ndrangheta e ora è utilizzata per un uomo che per tutta la vita si è battuto contro le cosche.

Non ci sono altre strade: dobbiamo tutti continuare a sostenere Mimmo Lucano perché ha fatto solo del bene, ha fatto rinascere un paese e il suo modello di accoglienza è preso in considerazione in Europa. Per questo stiamo organizzando una campagna di appoggio e di raccolta fondi rivolta all’opinione pubblica nazionale e internazionale. Si chiamerà “Riace riparte” per far appunto ripartire, senza denaro pubblico, il progetto di accoglienza dei richiedenti asilo. Sul sito della Rete dei comuni solidali si trovano le indicazioni per aderire alla campagna.

Mi voglio anche appellare al presidente della Calabria, Mario Oliverio, che è molto vicino a Mimmo Lucano, perché prenda Riace sotto l’egida della Regione Calabria. Anche in considerazione del fatto che una legge regionale ha come obiettivo il ripopolamento dei paesi abbandonati. Chiedo infine alla Conferenza episcopale di uscire dal mutismo e di prendere posizione, cosa che finora ha fatto solo mons. Bregantini, vescovo di Campobasso-Boiano.

Reagiamo insieme a questa marea nera di razzismo e di xenofobia. Facciamo comprendere che i migranti sono una risorsa, non una minaccia.

Alex Zanotelli

http://comunisolidali.org/riace/

Segnalazioni: rubrica a cura di Sergio Falcone

 

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: